mercoledì 21 marzo 2012

E' primavera - ma le rondini ??

Da ieri è ufficialmente primavera. Finalmente!
Non ho ancora visto però  i messaggeri ufficiali di questa bella stagione: le rondini.

 (foto presa da internet!)

Eppure secondo la LIPU-Birdlife Italia in questo periodo ne dovrebbero arrivare circa 16 milione di coppie dall'Africa, dove hanno passato l'inverno. Speriamo!!! E speriamo anche che trovino dei posti dove nidificare in Italia. Pare che sia sempre più difficile...
Nel mio paesino ad esempio, dove dieci anni fa c'erano ancora tanti nidi di rondini, ora non se ne vedono più. Spesso la gente ha buttato giù questi nidi dalle proprie case perché gli uccelli "sporcavano", i sottotetti di vecchie stalle e fienili sono spariti (o ristrutturati). E poi i soliti problemi dell'agricoltura "moderna": troppi fitofarmaci e pesticidi, niente più siepi, prati e stagni - l'habitat per le rondini sta sparendo sempre di più (allarme lanciato dalla LIPU) .

So bene di non poter fermare questo triste cambiamento. Ma abbiamo deciso di dare almeno il nostro piccolo contributo per rallentarlo. Tra l'altro mettendo dei nidi artificiali sotto il tetto di una vecchia cascina.


I nidi artificiali si possono comprare nel sito internet della LIPU oppure costruirli in casa (come ha fatto Renato).

Come materiale servono: due assicelle su cui fissare la dima, una sfera di polistirolo da 12 cm (si usa solo un quarto di sfera), un po' di plastica (es. da cucina), cemento, trucioli di legno e un po' di calce, un pezzo di rete metallica a maglie piccole.
Ecco alcune foto della lavorazione:



Arrivato a questo punto si fa un impasto di cemento grigio + trucioli di legno + una manciatina di calce. Tenere l’impasto piuttosto morbido di modo che mettendolo sull’armatura passi agevolmente anche sotto alla stessa. Metterlo poco alla volta e non lisciarlo, il nido deve essere, all’esterno, ruvido e bruzzoloso.
Lasciare 2 o 3 giorni che si asciughi. A nido tolto e ben asciutto si può rifinire e stuccare le eventuali falle all’interno con solo cemento, si può anche bucare con il trapano nelle parti laterali inferiori, con una piccola punta da muro onde fissarlo con due viti fini e lunghe al sostegno definitivo.


Come ho già scritto per i pipistrelli: adesso le case ci sono, speriamo che arrivino anche gli inquilini!

2 commenti:

  1. ma dai helga !! la mia spacciatrice ufficiale di lavanda!!! che bello conoscerti un pò di più attraverso il blog.)

    RispondiElimina
  2. ciao katia! oh yes, alla fine avete attaccato il virus del blog anche a me...:)))
    per quanto riguarda la mia/tua/nostra^^ lavanda: se non succedono dei disastri (tipo: grandinate, invasioni di cavalette o roba simile:) te ne manderò anche quest'anno ^_^
    un grosso bacione e a presto!

    RispondiElimina