sabato 10 marzo 2012

Cestini in vimini - fatti a mano

Nel post precedente ho parlato del salice domestico e della sua importanza nel vigneto. Oggi vorrei parlare di un suo "cugino", il vimine ("Salix viminalis").

Anche i vimini si usano per le legature, ma da noi in Italia sono molto rari ormai, sono protetti e non si possono più raccogliere . Infatti quelli che si vendono nei consorzi agricoli vengono quasi tutti dalla Polonia.

In ogni caso, ci hanno regalato un mazzo di questi vimini. Perché erano un avanzo dell'anno scorso e ormai troppo vecchi e quindi troppo duri per le legature (si spezzavano).
Renato però li ha messi per circa 3 settimane nell'acqua, e infatti, hanno riacquistato - almeno in parte - la loro flessibilità.
E oggi ne ha fatto un cestino.
Ecco alcune fasi della lavorazione:




Per vedere con calma come si fanno i cestini potete guardare questi 2 filmati su You Tube (che sono stati molto utili anche a Renato, in pratica ha imparato grazie a loro fare ceste e cestini):
YouTube: fare cestini (parte 2) :
Onde evitare equivoci ripeto ancora:
I filmati non sono opera nostra!!! Ma li abbiamo trovati talmente belli ed utili che ho voluto mettervi i link!!!

8 commenti:

  1. Ha imparato *solo* con questi due filmati a fare il cesto che si vede in foto?
    Mi pare che non venga detto niente in merito a quali essenze usare, quando raccoglierle, per quanto tempo tenerle in acqua ecc.
    Forse ha avuto la possibilità di interpellare qualcuno? Leggere qualche libro (quali?) o trovare altre informazioni sul web?
    Mi interessa, vorrei anch'io iniziare ad intrecciare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da bambino ha visto come suo padre faceva i cestini, ma non ricordava bene. La tecnica l'ha poi imparato dai filmati, niente libri ecc. Per le essenze: mio marito per il momento usa esclusivamente i rametti di salici, perché li abbiamo qua da noi, ci servono per legare i tralci nel vigneto. Ciao!

      Elimina
    2. Diciamo quindi che è "figlio d'arte"!
      Ieri e l'altro ieri, durante un corso di bioedilizia ruspante, ho conosciuto Andrea Magnolini (il corso si è svolto a casa sua, sugli appennini bolognesi), autore del libro "Fare i Cesti" di Terra Nuova Edizioni; ne ho preso una copia, mi è sembrato molto chiaro e ben fatto.
      La casa ed il suo portico erano pieni di cesti di ogni tipo e forma, in parte da completare, e di rami di tante essenze e varie dimensioni. Parte dei materiali del corso, ad esempio, li abbiamo trasportati con le gerle.ac

      Elimina
    3. bello, un corso sulla bioedilizia! il libro "fare i cesti" lo prenderò per mio marito, sarà contento:) grazie dell'info, ciao

      Elimina
  2. che meraviglia! e pensare che prima tutti quelli che vivevano in campagna, ed erano in tanti, li sapevano fare.....con il progresso abbiamo perso tutta la manualità che l'uomo aveva appreso, grazie per aver messo questo post :)

    una domandina dove si puo' trovare il vimini?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, abbiamo perso e "dimenticato" molte cose che una volta quasi tutti sapevano fare. purtroppo...
      per i vimini: non so dove abiti. ma se hai vicino un consorzio agrario prova a chiedere lì, oppure ad un contadino (magari ha un salice domestico). altrimenti forse trovi i vimini dal vivaista o in un centro fai-da-te ben fornito.
      ciao, e grazie di essere passata qua:)

      Elimina
  3. Grazie proverò a vedere dove mi hai detto tu ;)
    vivo a Monte Argentario, conosci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo il Monte Argentario! Ci siamo andati diverse volte quando abitavamo ancora a Roma. Ciao!

      Elimina