martedì 21 febbraio 2017

Le foglie di vite barbera

Sottoprodotto del nostro vigneto di famiglia:
Le foglie di una vecchissima vite barbera che uso per l'eco-printing.
In questo caso hanno lasciato delle bellissime impronte quasi viola su una tela in jersey di lana (diventerà una camicetta penso).



Le foglie naturalmente sono quelle del 2016. Le ho raccolte in autunno, seccate e adesso messe in ammollo per qualche ora prima di usarle per l'ecoprint.

P.S. Le altre impronte sono di radice di robbia e di vari tipi di eucalipto

venerdì 17 febbraio 2017

Imitando la natura - le mie foglie di legno


In questi giorni di sole sto tanto bene sotto al mio portico-laboratorio-falegnameria che non so più cosa inventarmi...
Ed ecco il nuovo progetto, appena nato 2 giorni fa: "Foglie di legno"



Ho iniziato con una foglia di saliva e una di edera...

...aggiungendo quella di ginkgo biloba (qui ho lavorato sulla memoria, 
una foglia fresca al momento non ce l'ho!)
... e in fine anche di "albero di Giuda", di "albero dei tulipani" 
e della normalissima quercia.

Sono tutti fatti con legni del mio orto (soprattutto legno di ulivo), e possono diventare bottoni decorativi (da applicare su maglie o creazioni in tessuto), ciondoli, orecchini, 
ecogioielli, pomelli per ante e cassetti e molto altro ancora. 
Dipende dalle misure e da dove di faranno i fori...

Ho già in mente altre foglie da "imitare", per fortuna la natura è molto varia, 
gli spunti non mancheranno di sicuro!

martedì 14 febbraio 2017

Laboratorio dehors - la stagione è aperta

E con il sole e le temperature miti mi è venuta voglia di ricominciare a lavorare i miei legnetti.
Il mio "laboratorio" sta al aperto, sotto un portichetto, e in inverno sono costretta a chiudere bottega. Ma adesso...

... new buttons coming soon! E anche qualche fibbia ^___^





EDIT verso sera: 
Oggi alcuni mi sono venuti così:
Chi sa perché...  :-)))

sabato 11 febbraio 2017

Tentativo di creare in libertà...

Come da titolo: è un tentativo. E non è facile per una "crucca" come me abbandonare il proprio metodo, la sistematica, la simmetria ecc.ecc.
Forse non si capisce cosa voglia dire :( In fondo è soltanto un mio desiderio di lasciarmi andare a ruota libera quando mi invento qualcosa di nuovo, senza sapere prima cosa viene fuori dopo...

In ogni caso, oggi ho preso una delle mie amate stoffe (un jersey di lana) che di solito uso per l'ecoprint. E invece di fare il mio solito progetto con print simmetrico, pulito, pensato tremila volta prima di eseguirlo... ho volutamente "sporcato" la tela. L'ho sacrificata! :-)

Qui c'è un po' di tutto: bucce di cipolla, vecchie foglie di noce, radici di robbia usate tremila volte, fiori e foglie secche della bidens dell'anno scorso, vecchio "brodo" di tannino con la noce galla, persino gli scarti della tisana alle bucce di cioccolato che preparo a colazione per mio marito, e altro ancora che non mi ricordo... roba che non potrò mai ripetere... Il tutto bollito per un ora e poi usato come bagno colore con grossi nodi nella tela... 
Il risultato non mi dispiace. Praticamente ho creato il color ruggine senza usare ferro e ruggine... Adesso ci farò sopra un bel ecoprint oppure un bagno colore in indaco con shibori. O chi lo sa.... 
Idee molte, ma anche molto confuse..

martedì 7 febbraio 2017

Wanda Osiris 4.0 ... ahahah


Non amo per niente mettere foto di me in rete! Ma questa volta sono venute talmente male... che posso anche fare un'eccezione alla regola :-)

 

Me le sono fatte da sola, davanti allo specchio del bagno, e naturalmente è scattato il flash! 
Motivo di questa foto-session: Volevo inviare ad una mia amica le foto dei prototipi di sciarpa-turbante che stavo progettando - per avere un suo parere.

Quella gialla è di un tessuto 100% sintetico che ho trovato da qualche parte (tanto era solo per fare il prototipo!), quella blu invece è il mio amato jersey di lana che di solito uso per fare l'ecoprint. Questa volta l'avevo tinto a mano con l'indaco e poi stampato con qualche foglia di eucalipto (in foto la stampa non si vede però).

La mia amica (sincera com'è :-) mi ha risposto che i turbanti sono belli, ma io assomiglio un po' troppo a Wanda Osiris....
Beh, avrò davanti a me una carriera da soubrette???? E chi lo sa!!!! ^_____^

domenica 5 febbraio 2017

Questo e quello - this and that :)

Giornata uggiosa oggi sulla mia collina. Le temperature si sono alzate, ma era meglio quando erano decisamente sotto zero.
Adesso... la nebbia si alterna con pioggia e l'umidità entra direttamente nelle ossa.
Perciò: meglio stare vicino al camino con un lavoro all'uncinetto oppure davanti al pc per mettere finalmente in archivio (e sul blog :-) un po' di foto delle ultime settimane.

Scaldamani in lana cotta ecoprintata - gli ultimi rimasti...

Bottoni in legno "solitari" e molto grossi - adatti anche per creare spille e spilloni

orecchini fatti con legno di sambuco


 canottiere in lana+seta - ecoprint con eucalipto, quercia, vite, radice di robbia



venerdì 27 gennaio 2017

Dopo più di un mese...

... senza eco-printing oggi mi era venuta una specie di crisi di astinenza 😌
Allora ho preso una canotta in lana, un po' di foglie secche (di eucalipto, vite, liquidambar e rose) e qualche pezzetto di radice di robbia e via con un layout semplice e veloce!


Bollitura in acqua+aceto, e questo è il risultato:




Per essere una cosa abbastanza improvvisata non è venuta troppo male direi....

venerdì 20 gennaio 2017

La mia modella preferita...

... questa volta in versione nuova. Non più con i caldi cappellini in lana cotta come qualche settimana fa, ma con un copricapo quasi-arabo...  ^___^



No, non è un "hijab" come lo portano molte donne arabe! E' semplicemente una sciarpina in leggera mussola di lana che - con un cucitura sul retro - è stata trasformata in cappuccio. Naturalmente anche lei tinta/stampata in ecoprint, in questo caso con diversi tipi di eucalipto e qualche margherita africana.
Il fermaglio: una delle mie fibbie handmade in legno di ulivo.
Questa sciarpa-cappuccio è solo un prototipo. Ma l'idea non mi dispiace, dovrò perfezionare il modello, e chi sa...... ^___^

mercoledì 18 gennaio 2017

Dopo un mese di freddo e neve...

la cuccia del cane in Germania (temperatura: -16° C)

... avevo tanta voglia di creare qualcosa di "caldo" :-) 
E così sono nati, subito dopo il nostro rientro in Italia, alcuni orecchini in legno. 


legno di tasso, di sanguinello e di ulivo


legno di sambuco (con rosa vera in resina), quercia e sanguinello

giovedì 15 dicembre 2016

Home sweet home

oppure casa dolce casa :-)


Uno anche per i "folletti"

E prima di cambiare completamente argomento... ancora le foto di un cappellino. Questa volta per i più piccolo, 6 mesi circa.



Come quelli del post precente è fatto in lana cotta, stampato in ecoprint con foglie di eucalipto e radice di robbia.

giovedì 8 dicembre 2016

Testa da cappellino


Questo è un cappellino, o meglio: un futuro cappellino, in lana cotta (ecoprintata con eucalipto) che stasera è sul mio "tavolo di lavoro". E' solo imbastito per il momento e devo ancora decidere definitivamente se applicare oppure no il vecchio pezzo di merletto che vedete in foto.

A proposito di foto: Non possiedo una testa di polistirolo (o altro materiale) per esporre i cappellini che sto facendo in questo periodo, e neanche per fotografarli come si deve. Ma ho un'amica con la "testa da cappellino": Marisa :-)

E così l'ho sfruttata un po'. Lei era in ospedale per accertamenti (e non poteva sfuggirmi quindi, eheh). Le ho portato come regalino un cappellino (invece dei soliti fiori o frutta), e poi .... foto-session!!!



Come si vede benissimo, alcuni dei cappellini erano grandi per la testa piccola della mia amica e lei ha fatto un po' la buffona.
Ci siamo divertite moltissime, abbiamo chiacchierato, scherzato, fotografato e fatto dei progetti (comuni) per l'anno prossimo. Ne vedrete delle belle!!! ^____^

P.S.: Le foto sono naturalmente autorizzate dalla mia modella, nessun problema di privacy!!!