domenica 6 luglio 2014

Eco-printing (parte 3) - nuovi esperimenti e... il vestito di Marisa!

Come annunciato nel post eco-printing (parte 2) vi presento il vestito di Marisa. Il tessuto in parte è di cotone e in parte di puro lino, e naturalmente era tutto bianco prima del "trattamento".

Qui sotto vedete alcuni passaggi dopo la bollitura: l'apertura del rotolone...


... la felice creatrice/modella con il suo nuovo vestito e alcuni dettagli della delicata stampa e dei bottoni in legno di robinia (sono molto orgogliosa di aver dato un piccolo contributo anch'io:)) che secondo noi si sposano perfettamente con i colori e la stoffa del vestito eco-stampato.
((ho fatto altre foto del vestito indossato, ma purtroppo non sono venute perché la memory card della mia macchinetta fotografica aveva un problema.... peccato!))

Sabato mattina abbiamo fatto nuovi esperimenti di eco-printing - in gran parte con piante di cui non sappiamo ancora bene se rilasciano un colore (e se lo fanno: quale) sui tessuti mordenzati: abbiamo messo foglie di prunus rosso, di ulivo e anche di rape rosse, fiori secchi di lavanda, fiori di ortensia e di geranio, una rosa (foglie e fiori interi), foglie di edera e di assenzio, ciuffi di coda cavallina (equiseto) ecc. Delle piante "sicure" ne abbiamo messe pochissime questa volta, se no che sperimentazione sarebbe stata? :-D
Per non sprecare troppo materiale (stoffa) abbiamo usato degli scampoli relativamente piccoli di cotone e di lino vintage. 
Ecco alcune delle "composizioni" prima della bollitura dei tessuti (arrotolati e legati) nel grande calderone...:


Per aprire i nostri rotoloni aspetteremo almeno 3 giorni. Vi terrò informati sui risultati di questi esperimenti... :-)

Buona domenica a tutti! Ciao





15 commenti:

  1. Bellissimi questi arrosti vegetariani!!!stupendo il vestito!Complimenti a te e a Marisa per le vostre indagini!!!!aspetto i risultati,molto,molto curiosa delle piante che hai scelto!!buona domenica!

    RispondiElimina
  2. Ciao Helga hai mai provato ad usare le foglie di forsizia? Io la uso per tingere la lana con il metodo del sole e da un bel colore giallo acido. Buon lavoro.

    RispondiElimina
  3. Manu', "arrosti vegetariani" mi piace un sacco:))) Anch'io sono supercuriosa.....!!!
    Birbolina, grazie della dritta! Non abbiamo mai provato la forsizia. Ne ho 2 cespugli nel giardino, sarà uno dei prossimi esperimenti!
    Ciao ragazze creative, mi piace molto comunicare con voi (anche se solo in maniera virtuale, ma meglio di niente;)
    Bacione, Helga

    RispondiElimina
  4. Helga mi hai fatto un servizio fotografico con i fiocchi, sei una fantastica promoter , mi piace molto condividere con te e le amiche del web le mie passioni. Grazie

    RispondiElimina
  5. Quanto mi piacerebbe stare lì ad assistere!!!E' tutto fantastico....Mi piace da morire il vestito,tutto il da fare, la stampa che si è ottenuta, il modello (Mi piace molto è il mio genere)...e già quella mezza luna di robinia sulla revers è un gioiello naturale di legno. ho anche io del lino vintage, preso al mercato americano....Ciao e buona giornata

    RispondiElimina
  6. Chissà com'è emozionante srotolare i salsicciotti in attesa della sorpresa! I vostri esperimenti sono fantastici, i bottoni perfetti con le sfumature del vestito.
    buona settimana
    Paola

    RispondiElimina
  7. @ Franca Rita, Paola: sarebbe bello organizzare un "raduno eco-printing", così Marisa fa vedere anche a voi la tenica. In ogni caso, in autunno farà dei corsi. Pensateci:)))
    @ Marisa: Io devo ringraziare te! Mi hai fatto vedere un "mondo" nuovo, fantastico. Ti chiamerò "maestra" da ora in poi ^_^

    RispondiElimina
  8. ..la potenza delle donne!!! ;)

    RispondiElimina
  9. mi piacerebbe seguire anche Marisa,ma si puo'fare?ho visto che lei usa Google+!

    RispondiElimina
  10. Anch'io mi trovo sempre in difficoltà con Google+ ... Io ho messo il blog di Marisa http://attivarte.blogspot.it/ semplicemente nel mio blogroll, così vedo se scrive qualcosa di nuovo. Ma in realtà in questo periodo non ha molto tempo per scrivere. Lavora tutto il giorno come educatrice in un istituto e poi la sera si dedica alle sue passioni... Ma mi ha già detto che vuole prendersi anche un po' più di tempo per il suo blog in maniera che la possiamo seguire sul web (non tutti hanno la mia fortuna di poter andare direttamente a casa sua, eheh:))))

    RispondiElimina
  11. ok grazie,la seguirò anche io così per il momento!

    RispondiElimina
  12. L' eco printing è fantastico ed il risultato poi è da favola. I bottoni sono mitici e ci stanno alla perfezione. Una cosa non ho capito: ma li bollite con acqua e aceto? P.S. Ho fatto i peperoni sott'olio, prima li ho grigliati ma non li ho pelati perché io li digerisco lo stesso. Spero che siano venuti buoni. Prima di consumarli però voglio vedere se "reggono" la conservazione. Ciao Helga è sempre un piacere^_~

    RispondiElimina
  13. Erica, acqua+aceto funziona solo con le foglie di eucalipto e con tessuti "animali", lana e seta. Per le altre piante e anche per i tessuti "vegetali" (cotone, lino, canapa...) la cosa è molto più complessa. Il tessuto dev'essere mordenzato prima (es. con allume di rocca o cremor tartaro) e anche la ricetta del "brodo" è un po' più complicata della versione eucalipto... In ogni caso, la mia "maestra" è Marisa;)
    Purtroppo quest'anno non ho peperoni nell'orto, ma se li trovo bio seguirò la tua ricetta! Ciaoo

    RispondiElimina
  14. Grazie x il chiarimento. Proverò a cercare il blog di Marisa ( come ti ho già detto non sono molto esperta nel navigare) . Ciao e buona giornata:-)

    RispondiElimina