giovedì 1 giugno 2017

La forza dell'indaco


Nel post precedente Ecoprint incontra Shibori  ho già accennato al fatto 
che quel giorno abbiamo anche usato l'indaco.  Ecco le foto:

Come vedete sopra io non ho fatto uno shibori "classico". Per la prima tela ho usato 
2 tegole messe un po' di traverso e neanche fino a bordo stoffa 
(dove invece ho fatto legatura "wild" con elastici). 
E l'altra tela è uno shibori ancora più selvatico, legando e 
annodando "come viene viene..."

Dopo l'immersione nel tino con l'indaco (che si fa a freddo, quindi procedimento 
più veloce rispetto al bagno colore dell'altro post) sono venute fuori così 
le mie due stoffe (vecchio lino abbastanza robusto)

Ero subito molto contenta :-) La tela con le legature (in foto quella a sx) 
l'ho lasciata così. Diventerà molto probabilmente una borsa.
L'altra, quella a dx invece, è stata sottoposta a step 2: Ecoprinting con fiori e foglie varie.


E questo è il risultato finale. Vi piace?


10 commenti:

  1. Wonderful results, and your jacket in the previous post, love it.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks Debbie! These two methods together give really great results ;)

      Elimina
  2. Some beautiful tie-dye work here.
    Nicely done.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks Rick, I'm glad you like it!

      Elimina
  3. Ciao Helga, le tue tele sono meravigliose, complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefania! Buon week end, ciao :)

      Elimina
  4. Sì! Mi piace molto anche questa versione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' forte l'indaco, vero?! Ciaoo, buon week end :)

      Elimina
  5. Bellissimo l'indaco! Ci vedrei un bel pareo da mare :):)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le mie tele non sarebbero adatte per fare un pareo. Ho tinto del lino antico, troppo pesante. Ma la prossima volta forse.... ;)

      Elimina