domenica 26 aprile 2015

Legno di melo




L'altro giorno ho fatto un giro in cascina per vedere i miei "tesori", cioè: i legni di potatura varia che sono appesi lì da circa due anni. Ho deciso che era ora per la lavorazione di un bel ramo di melo....

Sono molto soddisfatta della stagionatura e dell'aspetto di questo legno (soprattutto dopo averlo trattato con abbondante olio di lino). E non è soltanto bello da vedere, è anche bello da toccare. Dopo la levigatura il legno di melo è diventato molto liscio, sembra quasi "morbido", vellutato al tatto. Adesso devo solo decidere in cosa trasformarlo - in bottoni, ciondoli, orecchini, portachiavi o qualcosa del genere. I fori (forse 2, forse 4, forse solo 1) li farò soltanto quando avrò le idee più chiare (oppure gli "ordini" precisi...)


11 commenti:

  1. Vedi, abbiamo potato il melo e non ho pensato a conservare i rami..mannaggia!! Potresti fare tutti gli oggetti che hai scritto. Quanti mm è il diametro del rametto?

    RispondiElimina
  2. Eheh, non bisogna mai buttare niente, neppure le potature :-)
    Più che un rametto questo che vedi in foto è un ramone, il diametro è tra 3,5 e 4 cm. Ne ho stagionato anche alcuni più sottili, ma ero curiosa a vedere il legno di melo un tutta la sua bellezza e ho iniziato con quello grosso.
    Ciao!

    RispondiElimina
  3. ....da noi un detto dice " tutte le vie portano a Roma " (così mi è venuto in mente e così scrivo) ....dalle mani di Helga tutti i legni ...portano bottoni, ciondoli..... Bellissimo e bravissimi(al plurale perché ci metto anche il marito...in qualcosa aiuterà anche lui!!!!)Buona settimana...

    RispondiElimina
  4. Che belli Helga!!! come fai a tagliarli così precisi? Ci fai un bel post anche del tuo laboratorio? sarei proprio curiosa di vedere i tuoi spazi ed i tuoi attrezzi!
    complimenti ancora per il lavoro.
    a presto Ely

    RispondiElimina
  5. - Grazie Franca Rita, è la prima volta che mi viene dedicato un detto:) Hai ragione, mio marito è un prezioso assistente!
    - Mmm Ely, non sarà facile. Perché non è un laboratorio vero, lavoriamo un po' qua e un po' la... ma ci proverò!
    Ciao, buona settimana ad entrambe!!!

    RispondiElimina
  6. Carissima Helga,
    sono una fan dei bottoni in legno che realizzi.
    Questi in legno di melo sono meravigliosi,
    li vedrei benissimo su di un cappottino in lana verde spiegata che vorrei realizzare per il prossimo inverno.
    Originali davvero sia quadrati He tondi, He misure hanno ognuno?

    RispondiElimina
  7. Ciao Gufo! Grazie del complimento! Questo legno di melo è veramente meraviglioso, era una bella sopresa anche per me quando ho iniziato a lavorarlo.
    Per le misure, quelli che vedi in questo post: i rotondi (che molto rotondi non sono) hanno un diametro tra 3 e 4 cm circa. Quelli rettangolari sono 3,5x4,0cm e 3,5x3,0cm circa. Ma ho diversi rami (di diversi spessori) e posso variare a seconda delle esigenze. Se ti serve qualcosa...fammi un fischio...^___^
    Ciao!!

    RispondiElimina
  8. Buon giorno Helga,
    è passato un pò di tempo da quanto leggo sopra.
    Solo oggi (due anni dopo) mi ritrovo con un bel pezzo di "melo" (circa 13 cm di diametro per 70 di lunghezza) e mi chiedo se hai e puoi darmi qualche consiglio per stagionarlo al meglio.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca B, è un bel tronchetto il tuo quindi. Sinceramente, non ho molta esperienza con legni così grossi. Sono autodidatta in materia, ma ti racconto volentieri come faccio con i miei rami. Soprattutto uso solo legno tagliato in inverno, quando la pianta non è in vegetazione e non tira su linfa. Una volta tagliato ingrasso (con grasso da scarponi ad esempio) i due tagli e appendo il ramo in cascina. La nostra cascina è bella asciutta e ventilata. Da evitare il sole diretto e troppo calore, il legno si deve asciugare piano piano, se no si spacca. Solo dopo un anno (anche di più se il ramo è grosso) lo uso. Buon lavoro, ciao!!

      Elimina
    2. Ciao.
      Grazie per le indicazioni.
      Penso che farò un taglio a metà e userò due tecniche. La tua e quella di un conoscente falegname che mi diceva di sgrossarlo e poi porlo in stagionatura in un posto fresco (anche d'estate) e asciutto.
      Grazie ancora.

      Elimina
    3. Fidati del falegname, è il suo mestiere! :-)

      Elimina