sabato 9 giugno 2018

Con il lino della nonna...

Avevo un vecchissimo pezzo di lino, di quelli tessuti ancora a mano su un antico telaio. E volevo trasformarlo in una casacca (di quelle "quadrate", come piacciono a me), naturalmente colorando il tessuto con il metodo ecoprinting...
Per non rovinare tutto... avevo deciso di iniziare con un campione, una striscia che poteva (se funzionava), servire per cucire le due maniche.


 Le foglie usate erano quasi tutte foglie autunnali (ormai secche) dell'anno scorso: vite, scotano, noce, ginkgo biloba, poi qualche pezzetto di scorza (secca) di melograno, un po' di corteccia di eucalipto, radice di robbia e - unico ingrediente fresco - alcune foglie di ippocastano. Il tutto arrotolato e bollito per un'ora abbondante.



 Ecco il risultato...

... abbastanza soddisfacente per poter procedere con il pezzo più grosso di lino, 
quello che doveva diventare la parte anteriore della futura casacca.
Nelle foto seguenti lo vedete già eco-stampato (pezzo intero e qualche dettaglio)




Qui di seguito la casacca ancora un po' "grezza", mancano alcune rifiniture piccole e soprattutto manca la paramontura intorno alla scollatura. Ma ero stanca quella sera, non avevo più la concentrazione necessaria per fare quel lavoro un pochino "certosino" (almeno per me - la paramontura mi sembra sempre la parte più difficile di tutto il cucito)




E poi, qualche giorno dopo... ecco finito tutto:





Sì, sono soddisfatta di questo lavoro. La paramontura è venuta bene, e i colori-ecoprint hanno retto benissimo anche ad un secondo giro in lavatrice. Adesso sono tranquilla.... ^__^

7 commenti:

  1. Troppo bella !!!😍se è in vendita e la taglia e giusta (taglia unica abbondante)la prendo...la voglio anche io..🙌
    Ti pensavo in vacanza chissa' dove😃🙋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franca Rita, ti scriverò in privato nei prossimi giorni. Non sono in vacanza ma sono un pochino "incasinata" al momento (tra orto, vigneto, ospiti/parenti ecc., eheh). A presto!

      Elimina
    2. Ti ho mandato un email qualche giorno fa ;-) Ciao!!!

      Elimina
  2. Che bella! Mentre leggevo mi domandavo appunto dei lavaggi seguenti, se i colori reggono. Hai scritto che un secondo giro in lavatrice è andato bene, poi per il seguito cosa consiglieresti lavaggio a mano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito faccio inzialmente il lavaggio in lavatrice per togliere il più possibile il colore che comunque "non regge" alla lunga. Poi dopo ... consiglio sempre di lavare a mano con detersivo per "delicati", magari "neutro" se possibile. Si tratta di colori naturali...

      Elimina
  3. Un capolovaro! Colori vivi e brillanti. i miei complimenti come sempre bravissima:)

    RispondiElimina